Il Dipartimento del Tesoro


Risposte

  • Cosa sono i Titoli di Stato?

    Una breve descrizione di BOT, CTZ, CCT, CCTeu, BTP, BTP€i e BTP Italia per saperne di più sulle varie tipologie di titoli di Stato

    Inizio


  • Come investire in Titoli di Stato?

    Informazioni utili per chi desidera acquistare i titoli in asta o sul mercato secondario

    Inizio


  • La trasparenza a tutela dei risparmiatori

    Dieci informazioni a tutela dei cittadini che investono in titoli di Stato

    Inizio


  • Dove trovo il calendario con le aste dell’anno?

    Ogni anno il Tesoro italiano pubblica il calendario delle aste

    Inizio


  • Come si comprano i Titoli di Stato?

    È possibile acquistare i titoli di Stato sia in asta, sia sul mercato secondario; in entrambi i casi è necessario rivolgersi alla propria banca o a un intermediario finanziario abilitato.
    L'acquisto in asta richiede la prenotazione da parte del risparmiatore del quantitativo desiderato con almeno un giorno di anticipo rispetto alla data dell'asta comunicata tramite il calendario .

    Inizio


  • Dove si possono trovare informazioni sulle caratteristiche dei titoli di Stato?

    Le caratteristiche dei titoli di Stato (BOT , CTZ , CCT , CCTeu, BTP, BTP€i e BTP Italia) emessi sul mercato interno sono spiegate in maniera dettagliata in una scheda titolo appositamente predisposta per i titoli in questione e disponibile nell'area Titoli di Stato.
    Le caratteristiche dei titoli di Stato (Commercial Paper , Medium Term Notes , Global bond) collocati sul mercato estero ed i programmi di emissione ai quali fanno riferimento sono disponibili nell'area Programma emissione sui Mercati Internazionali.

    Inizio


  • Cosa sono i titoli (BTP) indicizzati all'inflazione europea?

    I BTP legati all'inflazione sono titoli di Stato emessi con la scadenza di 5, 10, 15 e 30 anni. Sono titoli a medio-lungo termine e a reddito variabile, perché sia il capitale rimborsato a scadenza, sia le cedole semestrali sono rivalutate sulla base dell'inflazione dell'area dell'Euro, misurata dall'Indice armonizzato dei prezzi al consumo con esclusione del tabacco. Per ulteriori informazioni si può consultare la scheda titolo nella sezione Titoli di Stato.

    Inizio


  • Come sono emessi i Titoli di Stato?

    I Titoli di Stato sono emessi tramite asta o sindacato di collocamento. Lo strumento principale di emissione per il mercato domestico è l'asta. Il sindacato si adotta per il collocamento dei titoli sul mercato estero dei capitali e anche per l’emissione di nuovi Titoli di Stato.

    Inizio


  • Quali sono le tipologie di asta utilizzate?

    Il collocamento tramite asta può avvenire secondo due modalità: l’asta competitiva in termini di rendimento (per i BOT) e asta marginale (per i CTZ, BTP, CCT e BTP€i.). L'asta competitiva prevede che ogni richiesta rimanga aggiudicataria al prezzo proposto, mentre l'asta marginale prevede che i richiedenti rimangano aggiudicatari tutti allo stesso prezzo, detto prezzo marginale. Sono ammessi a partecipare all'asta gli operatori abilitati.

    Inizio


  • Che cos'è un sindacato di collocamento?

    Un sindacato è un gruppo di banche alle quali si dà mandato per collocare un determinato ammontare di un Titolo di Stato per il quale si è decisa l'emissione. Le banche partecipanti, a parità di condizioni, sono prevalentemente scelte tra gli Specialisti in Titoli di Stato e devono assicurare una efficiente procedura di vendita e distribuzione del titolo in questione.

    Inizio


  • Chi sono gli Specialisti in Titoli di Stato?

    Gli Specialisti in Titoli di Stato sono quei particolari operatori chiamati a svolgere l'importante funzione di market maker, per cui essi hanno precisi diritti e obblighi nei confronti del Tesoro. Hanno l'obbligo di sottoscrivere le aste dei titoli di Stato e di garantire una costante liquidità del mercato secondario ed hanno l'esclusivo diritto di partecipare alle riaperture successive alle aste, alle operazioni di riacquisto e di concambio nonché di essere, a parità di condizioni, gli interlocutori privilegiati nell'ambito della costituzione dei sindacati per il collocamento dei titoli.

    Inizio


  • Quando vengono emessi i Titoli di Stato?

    I titoli di Stato vengono emessi   secondo quanto prestabilito nel calendario annuale delle emissioni diffuso dal Ministero dell'Economia. Nel calendario sono indicate le date di svolgimento d'asta e di regolamento con la distinzione tra i titoli a breve termine (BOT e CTZ) e quelli a medio-lungo termine (BTP e CCT). Inoltre, nel programma trimestrale di emissione sono specificate le caratteristiche finanziarie dei titoli da emettere nel corso del trimestre successivo.

    Inizio


  • Dove sono pubblicati i comunicati relativi alle aste dei Titoli di Stato?

    E' possibile trovare i comunicati relativi a ogni singola emissione direttamente sulla home page del sito. I comunicati sono disponibili anche sulle pagine dei principali network di informazione finanziaria: Bloomberg e Reuters (pagina indice Mdte).

    Inizio


  • Qual è il rendimento dei BOT e degli altri titoli pubblici?

    Il rendimento di ciascun titolo dipende dall'esito del relativo collocamento. I risultati delle aste e dei collocamenti tramite sindacato sono pubblicati su questo sito e sui principali quotidiani nazionali.
    È inoltre disponibile un riepilogo annuale con i principali tassi d'interesse all'emissione dei titoli di Stato e, in particolare, con quelli a rilevanza normativa, come il rendimento minimo e massimo dei BOT a 12 mesi.

    Inizio


  • Dove è possibile reperire informazioni storiche sui Titoli di Stato?

    All'interno dell'area Dati Statistici, è stata creata una sezione denominata Archivio Dati Storici, che contiene una serie di elaborazioni a partire dal 1980 ad oggi. In tale archivio sono disponibili tavole relative alla Composizione dei Titoli di Stato, alla Vita media Ponderata e dati relativi alle aste dei Titoli di Stato (BOT, CTZ, BTP, CCT).

    Inizio


  • Dove trovo i prospetti di emissione dei titoli e il valore delle cedole dei CCT?

    I prospetti di emissione dei titoli di Stato sono costituiti da decreti pubblicati sulla gazzetta ufficiale della Repubblica italiana. Il valore delle diverse cedole dei Ccteu si possono trovare nell’area “Dati Statistici”.

    Inizio


  • Come sono tassati i Titoli di Stato?

    L'attuale regime fiscale sui Titoli di Stato prevede:

    • per tutti i contribuenti che percepiscono interessi su titoli di Stato nell'esercizio di un'attività commerciale, gli stessi non sono soggetti ad alcuna ritenuta o prelievo sostitutivo e concorrono, unitamente a tutti gli altri elementi negativi e positivi di reddito, alla formazione del reddito imponibile complessivo;
    • per tutti gli altri soggetti il prelievo fiscale avviene mediante applicazione di una imposta sostitutiva da parte degli intermediari finanziari pari ad un’aliquota fissa del 12,5%. L’imposta sostitutiva si applica sugli interessi cedolari, sullo scarto di emissione e quindi per i CTZ ed i BOT sull’intera differenza tra prezzo di sottoscrizione e importo rimborsato a scadenza.

    Inizio


  • Quali sono le commissioni bancarie applicate ai Titoli di Stato?

    Le commissioni bancarie applicate ai risparmiatori sui titoli a breve termine (BOT) sono state fissate dal decreto per la trasparenza nel collocamento dei titoli di Stato che stabilisce l'importo massimo che le banche possono richiedere ai propri clienti al momento della sottoscrizione del titolo. Inoltre, queste commissioni devono essere pubblicizzate nei locali aperti al pubblico mediante esposizione di appositi prospetti informativi. Per i titoli a medio-lungo termine (BTP, CCT, CTZ) i risparmiatori non sono soggetti al pagamento di alcuna provvigione di collocamento. In quest'ultimo caso, infatti, il Tesoro retrocede alla Banca d'Italia le provvigioni in questione che saranno attribuite, in tutto o in parte, agli operatori partecipanti all'asta.

    Inizio


  • Cosa sono i dietimi di interesse?

    Con l'espressione "dietimi di interesse" si intende la quota di interessi già maturata dallo stacco della cedola immediatamente precedente fino al giorno considerato. Per ulteriori informazioni sul  calcolo dei dietimi di interesse è possibile consultare il documento appositamente predisposto.

    Inizio


  • Cosa sono le operazioni di concambio?

    Per concambio si intende lo scambio, da parte del Tesoro, di titoli già in circolazione con titoli di nuova emissione. Le operazioni di concambio costituiscono per l'emittente un altro strumento per la gestione del debito. Esse sono riservate ai soli Specialisti in titoli di Stato.
    Gli annunci delle operazioni e i risultati delle stesse sono visibili nell'area "Altre Operazioni >> Operazioni di Concambio"

    Inizio


  • Cos'è lo stripping?

    Lo stripping è l'operazione di separazione delle componenti cedolari dal valore di rimborso di un titolo. L'operazione di stripping consente di ottenere una serie di titoli zero coupon da ciascun Titolo di Stato. Per maggiori informazioni è possibile consultare l'apposita sezione dedicata allo stripping.

    Inizio


  • Esistono Titoli di Stato emessi all'estero?

    La Repubblica Italiana si è affermata quale emittente di riferimento sui mercati internazionali oltre che sul mercato domestico. I programmi di emissione sui mercati esteri dei capitali hanno l'obiettivo di diversificare la base degli investitori in titoli di Stato in modo da contenere il costo complessivo della provvista e il rischio connesso al rifinanziamento del debito. Le modalità di finanziamento della Repubblica sul mercato estero avvengono tramite il Programma Global Bond, il Programma Medium Term Note Program e il Programma di Carta Commerciale.

    Inizio


  • È possibile detenere titoli di Stato cartacei?

    Per effetto della "dematerializzazione", che ha portato notevoli benefici per la gestione e la custodia dei titoli di Stato, dal 1998 gli stessi non sono più emessi in forma cartacea, ma sono rappresentati da iscrizioni contabili a favore degli aventi diritto. La dematerializzazione è stata introdotta dal decreto legislativo n. 213 del 24 giugno 1998.

    Inizio


  • Qual è il termine di prescrizione per i titoli di Stato cartacei?

    TITOLI DI STATO: Il diritto al rimborso del capitale e delle cedole si prescrive decorsi 5 anni dalla data di scadenza (T.U. in materia di debito pubblico, D.P.R. 30 dicembre 2003, n. 398, art. 21. (leggi il decreto):

    BUONI FRUTTIFERI POSTALI: I buoni fruttiferi postali (emittente Cdp spa) emessi dal 18 novembre 1953 al 13 aprile 2001 sono stati trasferiti al Ministero dell’Economia e Finanze. Per essi il diritto al rimborso del capitale e degli interessi si prescrive dopo 10 anni dalla data di scadenza del titolo (d.m. 19 dicembre 2000, art. 8). Per ulteriori informazioni consultare il documento sulla prescrizione.

    Inizio


  • Cosa si intende per mercato secondario?

    Per mercato secondario s'intende il mercato nel quale si svolgono le negoziazioni dei titoli di Stato già in circolazione. L'esistenza di un mercato secondario risponde ad esigenze di liquidità, vale a dire la possibilità per un investimento di essere liquidato prima della scadenza. Il Mercato Secondario Telematico dei Titoli di Stato (M.T.S.), istituito con decreto ministeriale del 1988, è attualmente gestito dalla società M.T.S. SpA . Oltre ad M.T.S., che è un mercato cosiddetto all'ingrosso, esiste un altro mercato secondario dove è possibile negoziare titoli di Stato e obbligazioni al dettaglio (MOT), gestito dalla società Borsa Italiana SpA .
    Infine è possibile eseguire compravendite di titoli di Stato, tramite gli intermediari   finanziari, anche sui mercati non regolamentati (cosiddetti mercati Over the Counter ).

    Inizio


  • Cosa sono i BTP Italia?

    I BTP Italia sono i primi titoli di Stato indicizzati all’inflazione italiana, con cedole semestrali e durata pari a quattro o sei anni, pensati soprattutto per le esigenze degli investitori retail. Sono infatti i primi titoli di Stato che il Tesoro emette utilizzando non il meccanismo tradizionale dell’asta, ma la piattaforma MOT di Borsa Italiana-London Stock Exchange Group (www.borsaitaliana.it). In questo modo l’acquisto all’emissione, oltre che in banca, può essere fatto anche tramite qualsiasi sistema di home banking abilitato alle funzioni di trading. Ulteriori informazioni sul BTP Italia sono disponibili nella sezione dedicata al seguente indirizzo: BTP Italia

    Inizio


  • Esiste una newsletter o una mailing list del Debito Pubblico?

    Sulla home page del Debito Pubblico è disponibile un servizio gratuito di notifica () che, registrando il proprio indirizzo di posta elettronica, consente di ricevere tempestivamente gli aggiornamenti effettuati sulle relative pagine del Debito Pubblico.

    Inizio