Introduzione sezioneSezione III - Il ciclo dei documenti e il Semestre europeo

Sezione III - Il ciclo dei documenti e il Semestre europeo

A seguito delle nuove regole adottate dall’Unione Europea in materia di coordinamento delle politiche economiche e di bilancio degli Stati membri, in particolare con il lancio della nuova strategia di sviluppo “Europa 2020” e con l’introduzione del cosiddetto “Semestre europeo”, la L. 7 Aprile 2011 n. 39 ha modificato la L. 31 Dicembre 2009 n. 196, rivedendo struttura e tempistica dei documenti programmatici: l’avvio del ciclo è anticipato al primo semestre dell’anno, mentre la manovra di finanza pubblica (legge di stabilità e legge di bilancio) rimane stabilita per ottobre. Le modifiche mirano a conseguire la piena integrazione tra il ciclo di programmazione nazionale e il nuovo semestre europeo.

Il ciclo della programmazione inizia con la presentazione, entro il 10 aprile di ogni anno, del Documento di economia e finanza - DEF, che contiene in separate sezioni l’aggiornamento del Programma di stabilità - PS e del Programma nazionale di riforma - PNR . Il Documento è inviato dal Governo alle Camere. L’anticipo del DEF, che sostituisce la Decisione di finanza pubblica - DFP, determina inoltre la soppressione della Relazione sull’economia e la finanza pubblica - REF. Dopo l’esame parlamentare del DEF (risoluzioni di approvazione), il PS e il PNR sono inviati entro il 30 aprile alle Istituzioni europee. Entro il successivo 20 settembre, il Governo invia alle Camere la Nota di aggiornamento del DEF con cui aggiorna le previsioni macroeconomiche e di finanza pubblica e gli obiettivi programmatici, per recepire le eventuali osservazioni del Consiglio dell’Unione europea. Unitamente al nuovo calendario, sono ridefiniti anche gli strumenti ed il contenuto dei documenti programmatici previsti dalla legge di contabilità e finanza pubblica. Anche il ruolo del Parlamento diviene più incisivo per quanto riguarda la definizione delle politiche di bilancio e dei livelli di governo decentrati nell’articolazione degli obiettivi programmatici.

La legge 39, inoltre, prevede la revisione dei contenuti della Relazione generale sulla situazione economica del Paese - RGE, da presentare al Parlamento entro il mese di aprile di ciascun anno, a partire dal 2012. Per la RGE relativa al 2010 il termine di presentazione è stabilito per settembre.La Commissione per il riordino della RGE, istituita con la medesima legge, ha eseguito il suo mandato nel periodo maggio-luglio 2011, verificando in modo analitico i contenuti della RGE e valutandone il grado di attualità.

Contenuti correlati