Introduzione sezioneCorporate governance delle Società partecipate dal MEF

Corporate governance delle Società partecipate dal MEF

In questa pagina sono illustrati i principali profili normativi della Corporate governance nelle società partecipate dal Ministero dell’Economia e delle Finanze

La composizione degli organi sociali nelle società partecipate dal Mef, nonché le procedure previste per la loro nomina sono disciplinate dal codice civile, dal decreto legislativo 19 agosto 2016, n. 175, recante il “Testo unico in materia di società a partecipazione pubblica”, così come modificato dal decreto legislativo 16 giugno 2017, n. 100, dal decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, recante il “Testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria” (di seguito, il Tuf) nel caso in cui le azioni rappresentative del capitale siano ammesse alla negoziazione su mercati regolamentati e, ove specificamente previsto, da disposizioni speciali poste da fonti normative primarie e regolamentari, in ragione sia della presenza di profili di natura pubblicistica sia della pluralità delle amministrazioni coinvolte. La nomina o designazione di candidature al ruolo di amministratore unico, membro del consiglio di amministrazione o del collegio sindacale nelle società implicano l’esercizio di un’attività di indirizzo politico-amministrativo ai sensi dell’articolo 4 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n.165, recante “Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche”.
Gli atti concernenti l’individuazione e la valutazione di profili professionali nell’ambito delle procedure selettive utili alla composizione degli organi di amministrazione e controllo in società partecipate dal Mef sono sottratti al diritto di accesso, per effetto di quanto previsto dal d.m. 13 ottobre 1995, n. 561.
Con riferimento, poi, al percorso da seguire per l’individuazione dei migliori profili professionali da selezionare per la composizione degli organi di amministrazione e controllo, le disposizioni di cui al decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33, successivamente emendato dal decreto legislativo 25 maggio 2016, n. 97 hanno generato un forte impulso alla costruzione di una pubblica amministrazione sempre più orientata, nella conduzione delle attività istituzionalmente affidate alla sua cura, al rispetto dei princìpi di pubblicità e trasparenza, a loro volta espressione delle coordinate costituzionali di legalità, imparzialità e buona amministrazione. Sulla scia di tale elemento di discontinuità con il passato, indotto dall’entrata in vigore della citata normativa, il Ministro dell’Economia e delle Finanze ha, in data 16 marzo 2017, emanato la “Direttiva relativa alle procedure di individuazione dei componenti degli organi sociali delle società partecipate dal Ministero”, ove vengono individuate le procedure da utilizzare per l’indicazione dei componenti degli organi sociali nelle società controllate direttamente e indirettamente dal Ministero dell’economia e delle finanze.
Con specifico riferimento alla nomina degli organi sociali delle società controllate direttamente dal Ministero dell’economia e delle finanze, la Direttiva citata prevede che il Dipartimento del Tesoro: a) assicuri, entro il mese di gennaio di ciascun anno, la pubblicazione, nel sito del Ministero, delle posizioni in scadenza; b) proceda – con il supporto di una o più società specializzate nella ricerca e selezione di top manager – allo svolgimento di un’istruttoria di carattere qualitativo e attitudinale al fine di individuare potenziali candidati alla carica; c) sottoponga al Ministro dell’economia e delle finanze una lista di nominativi, accompagnata da una relazione di sintesi che illustri i profili dei candidati, anche in relazione alle specifiche caratteristiche della singola società, nonché la sussistenza dei requisiti di eleggibilità.
Con riferimento, invece, alle procedure per il rinnovo degli organi sociali nelle società controllate indirettamente dal Ministero dell’Economia - da cui vanno escluse le società controllate da società con titoli azionari quotati - la direttiva prevede che: il Dipartimento del Tesoro assicuri la pubblicazione, entro il mese di gennaio di ciascun anno, nel sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze, delle posizioni in scadenza; b) che le società capogruppo i) svolgano un’istruttoria di carattere qualitativo e attitudinale dei potenziali candidati, comprensiva della verifica dei requisiti di eleggibilità; ii) comunichino, prima di procedere alla nomina dei componenti degli organi, l’esito dell’istruttoria al Ministro dell’Economia e delle Finanze affinché il Dipartimento del Tesoro verifichi il rispetto dei criteri e delle procedure per la nomina”.

 

  • Composizione quantitativa del Consiglio di amministrazione e del collegio sindacale

    L’articolo 11, comma 2, del decreto legislativo 19 agosto 2016, n. 175 prevede che l’organo amministrativo delle società a controllo pubblico, ad esclusione di quelle emittenti strumenti finanziari quotati nei mercati regolamentati (c.d. società quotate)[1], è costituito, di norma, da un amministratore unico.
    Il successivo comma 3 della citata disposizione dispone, altresì, che l’assemblea della società, con delibera motivata con riguardo a specifiche ragioni di adeguatezza organizzativa e tenendo conto delle esigenze di contenimento dei costi, può disporre che la società sia amministrata da un consiglio di amministrazione composto da tre o cinque membri, ovvero che sia adottato uno dei sistemi alternativi di amministrazione e controllo previsti dai paragrafi 5 e 6 della sezione VI-bis del capo V del titolo V del Libro V del codice civile.
    Non sono assoggettate all’applicazione della predetta disciplina Consip spa e Sogei spa, per le quali l’art. 23-quinquies, comma 7, del decreto legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135 prevede che i relativi consigli di amministrazione siano composti da tre membri, di cui due individuati tra i dipendenti dell’amministrazione economico – finanziaria ed il terzo con funzioni di amministratore delegato.
    E’ parimenti assoggettata alla disciplina di cui all’articolo 23-quinquies, comma 7, del decreto legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135 la società Sga – Società per la gestione di attività spa, in forza dell’articolo 5, comma 6, del decreto legge 25 giugno 2017, n. 99, convertito, con modificazioni, dalla legge 31 luglio 2017, n. 121.
    Alla disciplina generale non è soggetta, altresì, la Rai, società per la quale la nomina e la composizione del relativo consiglio di amministrazione trovano la propria disciplina nell’articolo 49 del decreto legislativo 31 luglio 2005, n. 177, così come modificato dalla legge 28 dicembre 2015, n. 220.
    In particolare, l’organo amministrativo della Rai, a decorrere dal primo rinnovo successivo all’entrata in vigore della citata legge del 2015, sarà composto da sette membri, individuati come segue: due eletti dalla Camera dei Deputati e due eletti dal Senato della Repubblica; due designati dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dell’Economia e delle Finanze; uno designato dall’assemblea dei dipendenti della Rai, tra i dipendenti dell’azienda, titolari di un rapporto di lavoro subordinato da almeno tre anni consecutivi. Il consiglio di amministrazione nomina l’amministratore delegato, su proposta dell’assemblea, mentre la nomina del presidente è effettuata dallo stesso organo collegiale nell’ambito dei suoi membri e diviene efficace successivamente all’acquisizione del favorevole parere, espresso a maggioranza dei suoi componenti, della Commissione parlamentare per l’indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi.
    Per quanto attiene, invece, al collegio sindacale nelle società partecipate dal Mef, questo si compone – secondo quanto previsto all’art. 2400 del codice civile – di tre o cinque membri effettivi, oltre che di due membri supplenti. L’effettiva composizione numerica dei collegi sindacali è specificata nei singoli statuti. La Direttiva del 16 marzo 2017 del Ministro dell’Economia e delle Finanze ha disposto che per la composizione dei collegi sindacali delle società controllate dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, ad esclusione di quelle con titoli azionari quotati, dovrà in generale prevedersi la presenza, per quanto possibile, di dipendenti del Ministero.
    La nomina del consiglio di amministrazione e del collegio sindacale nelle società partecipate dal Mef, le cui azioni sono ammesse alla quotazione nei mercati regolamentati (Eni, Enel, Leonardo, Enav, Poste italiane, Banca Monte dei Paschi di Siena), avviene mediante il meccanismo del voto di lista (articoli 147-ter e 148 del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58). Fermo restando il limite – per i soli soggetti diversi dallo Stato – al possesso azionario introdotto nei singoli Statuti, ai sensi dell’articolo 3, comma 1, del decreto legge 31 maggio 1994, n. 332, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 1994, n. 474, questi individuano la quota minima di partecipazione azionaria richiesta per la presentazione di una lista da parte dei soci, da soli o in concorso con altri, in misura comunque non superiore a un quarantesimo del capitale sociale o a quanto diversamente stabilito dalla Consob con proprio regolamento, tenuto conto della capitalizzazione, del flottante e degli assetti proprietari delle società quotate.
    Con riferimento alla composizione del consiglio di amministrazione, ciascuna lista presentata indica coloro i quali, tra i candidati che ne fanno parte, sono in possesso dei requisiti di indipendenza, per tali intendendo, secondo la definizione fornita dal codice di autodisciplina delle società quotate, quelli che non intrattengono, né hanno di recente intrattenuto, neppure indirettamente, con l’emittente o con soggetti legati all’emittente, relazioni tali da condizionarne attualmente l’autonomia di giudizio.
    Ogni azionista può presentare o concorrere alla presentazione di una sola lista ed ogni candidato può presentarsi in una sola lista, a pena di ineleggibilità. Dalla lista che ha ottenuto il maggior numero di voti validamente espressi vengono tratti, nell’ordine progressivo con il quale sono indicati nella lista stessa: con riferimento ad Eni ed Enel, i sette decimi degli amministratori da eleggere; in relazione a Leonardo, i due terzi degli amministratori da eleggere; per quanto riguarda Enav e Poste italiane, i tre quarti degli amministratori da eleggere; nel caso, infine della Banca MPS, un numero di amministratori pari a quelli da eleggere, diminuito di tre, ovvero il minor numero di amministratori che esaurisca il numero di candidati indicati in tale lista. I restanti amministratori vengono tratti dalle altre liste, al fine di garantire rappresentatività, in consiglio di amministrazione, anche alle liste di minoranza.
    Con riferimento al collegio sindacale, le liste si articolano in due sezioni: la prima riguarda i candidati alla carica di sindaco effettivo, la seconda concerne i candidati al ruolo di sindaco supplente.
    Per gli ulteriori profili di dettaglio, si rinvia alla consultazione dei singoli statuti.
    Le liste sono depositate, a cura degli aventi diritto, presso l’emittente entro il 25° giorno precedente la data dell’assemblea convocata per deliberare la nomina degli organi sociali; queste sono, inoltre, messe a disposizione del pubblico presso la sede sociale, sul sito internet e con le altre modalità previste dalla Consob, almeno 21 giorni prima della data dell’assemblea.
  •  

  • Requisiti per il Collegio Sindacale

    Almeno un sindaco effettivo ed un sindaco supplente devono essere individuati tra i revisori legali iscritti nel registro di cui al decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, mentre i restanti membri, qualora non in possesso della predetta iscrizione, dovranno essere scelti tra gli appartenenti agli albi professionali individuati con decreto del Ministro della giustizia o tra professori universitari di ruolo, in discipline economiche o giuridiche.
  •  

  • Attività di direzione e coordinamento

    Con riferimento all’intensità che può, in linea teorica, connotare la relazione tra il soggetto investito dell’esercizio dei poteri dell’azionista e l’organo amministrativo di ciascuna delle società partecipate dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, il Ministero non esercita, nei confronti delle predetta società, attività di direzione e coordinamento ai sensi dell’articolo 2497 del codice civile, così come sancito da una norma di interpretazione autentica introdotta nell’ordinamento dall’art. 19, comma 6, del decreto legge 1° luglio 2009, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102, in forza della quale “L'articolo 2497, primo comma, del codice civile, si interpreta nel senso che per enti si intendono i soggetti giuridici collettivi, diversi dallo Stato, che detengono la partecipazione sociale nell'ambito della propria attività imprenditoriale ovvero per finalità di natura economica o finanziaria”.
  •  

  • Individuazione degli obiettivi sulle spese di funzionamento

    Articolo 19, comma 5, del decreto legislativo 19 agosto 2016, n. 175, recante il “Testo unico in materia di società a partecipazione pubblica” Individuazione degli obiettivi sulle spese di funzionamento
  •  

  • Equilibrio di genere

    Il D.P.R. 30 novembre 2012, n. 251, recante le misure attuative dell’articolo 3, comma 1, della legge 12 luglio 2011, n. 120, prevede che le Società non quotate, controllate da pubbliche amministrazioni, ai sensi dell’art. 2359, commi 1 e 2, del codice civile, introducano, nei propri statuti, norme tese a garantire, nell’ambito degli organi di amministrazione e controllo a composizione collegiale, che, a decorrere dal primo rinnovo successivo al 12 febbraio 2013 (data di entrata in vigore del Regolamento) il genere meno rappresentato ottenga almeno un terzo – un quinto limitatamente al primo mandato - dei componenti di ciascun organo (con arrotondamento all’intero superiore).
    L’obbligatorietà delle disposizioni in materia di equilibrio tra i generi negli organi di amministrazione e controllo delle società con azioni quotate in borsa è stata sancita dal comma 1-ter dell’articolo 147-ter e dal comma 1-bis dell’articolo 148 del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, così come introdotti dall’articolo 1 della legge 12 luglio 2011, n. 120, con decorrenza degli effetti, in tali casi, dal primo rinnovo del consiglio di amministrazione e del collegio sindacale successivo all’entrata in vigore del predetto intervento legislativo (12 agosto 2011).
     
  •  

  • Soggetti collocati in quiescenza

    L’articolo 5, comma 9, del decreto legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135, cosi come modificato dall’articolo 6, comma 1, del decreto legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 agosto 2014, n. 114, ha previsto il divieto, in capo alle pubbliche amministrazioni, di conferire incarichi nei consigli di amministrazione di Società da esse controllate a soggetti già lavoratori privati o pubblici, nel frattempo collocati in quiescenza.
  •  

  • Clausola etica

    Gli statuti di molte delle società controllate dal Ministero dell’Economia e delle Finanze prevedono l’ineleggibilità, ovvero la decadenza automatica dalla carica di amministratore, in presenza di provvedimenti adottati dall’autorità giudiziaria, relativi a determinate fattispecie di reato, secondo quanto disciplinato dalla direttiva del 24 giugno 2013 del Ministro dell’Economia e delle Finanze.
  •  

  • Requisiti di indipendenza

    Per alcune società, in particolare quelle quotate nei mercati regolamentati e le società di gestione del risparmio, la normativa prevede la presenza di uno o più consiglieri in possesso dei requisiti di indipendenza, ai sensi delle vigenti disposizioni di legge e regolamentari.
  •  

  • Regime di prorogatio

    Sulla base di quanto stabilito all’art. 2383, comma 2, e all’art. 2400 del codice civile, gli amministratori ed i sindaci scadono alla data dell’assemblea convocata per l’approvazione del bilancio relativo all’ultimo esercizio della loro carica. Inoltre, secondo quanto stabilito dall’articolo 11, comma 15, del decreto legislativo 19 agosto 2016, n. 175, agli organi di amministrazione e controllo delle società in house si applicano le disposizioni di cui al decreto legge 16 maggio 1994, n. 293, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 1994, n. 444, per effetto delle quali i citati organi collegiali non ricostituiti nel termine fissato dal legislatore sono prorogati per un periodo non superiore a 45 giorni, decorrenti dalla scadenza del termine medesimo (periodo di prorogatio). Nel periodo di proroga, gli organi scaduti possono adottare esclusivamente gli atti di ordinaria amministrazione, nonché quelli urgenti ed indifferibili, con indicazione specifica delle ragioni di urgenza ed indifferibilità. E’ previsto un regime di nullità per gli atti diversi da quelli appena sopra menzionati, eventualmente adottati dagli organi scaduti.
    Decorso il termine massimo di proroga senza che si sia provveduto alla loro ricostituzione, i predetti organi decadono automaticamente, mentre tutti gli atti da questi adottati, indipendentemente dalle situazioni di ordinarietà o straordinarietà alle quali essi afferiscono, sono nulli.
    E’ prevista, infine, una responsabilità in capo ai soggetti titolari della competenza alla ricostituzione degli organi in esame per gli eventuali danni che dovessero verificarsi in conseguenza della decadenza determinata da condotte omissive.
  •  

  • Acquisizione dell’intesa da parte di altro Ministero

    In molte delle società partecipate dallo stato, pur essendo, l’esercizio dei diritti dell’azionista, attribuito al Ministero dell’Economia e delle Finanze, è prevista la preventiva acquisizione dell’intesa da parte di altro o altri Ministeri.
  •  

  • Compensi

    Per quanto attiene ai compensi da deliberare ai sensi dell’art. 2389, comma 1, del codice civile (compensi assembleari), si fa presente che gli emolumenti al momento deliberati in favore degli amministratori di Società non quotate partecipate da pubbliche amministrazioni sono già stati oggetto di riduzione, in conseguenza dei provvedimenti legislativi intervenuti sulla specifica materia nel corso degli ultimi anni (art. 3, comma 12, della legge 27 dicembre 2007, n. 244; art. 6, comma 6, del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122).
    Con riferimento, invece, agli emolumenti in favore di amministratori investiti di particolari funzioni (ai sensi dell’art. 2389, comma 3, del codice civile), si ricorda che ai sensi del d.m. 24 dicembre 2013, n. 166, per le società non quotate direttamente controllate dal Ministero, il limite massimo al compenso da poter riconoscere agli amministratori con deleghe da parte del consiglio di amministrazione è quantificato, applicando all’importo di 240.000 euro annui lordi un coefficiente di proporzionalità pari, rispettivamente, al 100%, all’80% e al 50%, a seconda della fascia di complessità di appartenenza della singola società. Tali limiti retributivi sono riferiti, come specificato nel Decreto del 2013, al compenso spettante all’amministratore delegato, ovvero al presidente, qualora quest’ultimo sia l’unico componente del consiglio di amministrazione al quale sono attribuite deleghe.
    Qualora, invece, pur in presenza dell’amministratore delegato, al presidente siano conferite deleghe operative, l’emolumento in questo caso deliberato non potrà essere superiore al 30% del compenso previsto per l’amministratore delegato (art. 3, comma 4, del d.m.).
    Come sancito dall’articolo 11, comma 7, del decreto legislativo 19 agosto 2016, n. 175 le disposizioni di cui al d.m. n. 166/2013 resteranno in vigore fino all’emanazione di un nuovo decreto ad opera del Ministro dell’Economia e delle Finanze, disciplinato dal comma 6 dell’articolo 11 del predetto decreto legislativo, cui saranno assoggettate le società in controllo pubblico – con l’eccezione di quelle quotate – possedute dalle pubbliche amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 (non più limitato, pertanto, alle sole partecipazioni detenute dal Mef); l’applicabilità di tale decreto, inoltre, non sarà più circoscritta alla regolazione, nel loro valore massimo, degli emolumenti da poter riconoscere agli amministratori investiti di particolari cariche, ai sensi dell’articolo 2389, comma 3, del codice civile, ma riguarderà il trattamento economico onnicomprensivo da poter attribuire, nel rispetto della fascia di complessità di appartenenza (fasce che dovranno essere individuate in un numero da uno a cinque) per ciascuna società, all’intera platea di amministratori, sindaci, dirigenti e dipendenti.
  •  

  • Limiti al conferimento di deleghe in favore del Presidente

    Nelle società controllate dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, diverse da quelle quotate, il conferimento di deleghe operative al Presidente ad opera del consiglio di amministrazione, ai sensi dell’articolo 2389, comma 3, del codice civile, è subordinato alla preventiva autorizzazione dell’assemblea, in ragione di quanto previsto all’articolo 11, comma 9, lettera a), del decreto legislativo 19 agosto 2016, n. 175.
     

1L’articolo 2, comma 1, lettera p), del decreto legislativo 19 agosto 2016, n. 175, definisce società quotate “le società a partecipazione pubblica che emettono azioni quotate in mercati regolamentati; le società che hanno emesso, alla data del 31 dicembre 2015, strumenti finanziari, diversi dalle azioni, quotati in mercati regolamentati"
Torna al testo

Contenuti correlati