Introduzione sezioneOrganismi comunitari

Organismi comunitari

La Commissione europea, allo scopo di proteggere il corretto funzionamento del mercato interno, deve individuare le giurisdizioni dei paesi terzi con carenze strategiche nei rispettivi regimi nazionali Aml/Cft che pongono pertanto minacce significative al sistema finanziario dell'Unione (direttiva Ue 2015/849 del Parlamento europeo e del Consiglio del 20 maggio 2015 c.d. IV Amld che stabilisce, inoltre, i criteri su cui deve basarsi la valutazione della Commissione).

Fino ad oggi, la Commissione, dato il livello di integrazione dei sistemi finanziari, secondo il principio di precauzione, ha sempre inserito nell’elenco dei paesi terzi quelli identificati come tali dal Fatf , considerando tale passo necessario affinché il mercato interno non sia esposto a seri rischi di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo.

Il Parlamento europeo tuttavia ha più volte sostenuto la necessità che la Commissione si doti di una propria metodologia di individuazione dei paesi terzi ad alto rischio, che non si basi solo su fonti di informazione esterne, specificatamente solo sul Fatf. La Commissione ha dunque approvato nel giugno 2018, una sua metodologia e una road map al fine di identificare i c.d. paesi ad alto rischio. A seguito di tale individuazione, i soggetti obbligati sono tenuti ad applicare misure rafforzate di adeguata verifica della clientela quando stabiliscono rapporti d'affari o eseguono operazioni con persone fisiche o entità giuridiche che hanno sede nei paesi figuranti nell'elenco.

Le giurisdizioni attualmente identificate dalla Commissione come ad alto rischio in quanto aventi carenze strategiche nei rispettivi regimi nazionali di Aml/Cft che pongono, pertanto, minacce significative al sistema finanziario dell'Unione, sono elencate in una apposita sezione del sito della Commissione. Si precisa che, la maggior parte dei paesi identificati, hanno espresso un impegno politico a rimediare alle lacune strategiche evidenziate in materia Aml/Cft, anche attraverso l’adozione di uno specifico piano d’azione.

 

Contenuti correlati