Introduzione sezioneIl Programma di Carta Commerciale

Il Programma di Carta Commerciale

Il Dipartimento del Tesoro, negli ultimi anni, si è costantemente finanziato sul mercato moneta rio internazionale ricorrendo al programma di carta commerciale. Grazie alle sue caratteristiche di estrema flessibilità, la durata e le date di scadenza della carta commerciale sono fissate in modo da soddisfare sia le necessità derivanti dalla gestione della liquidità dell’emittente sia le preferenze degli investitori.

Tramite questa modalità di raccolta la Repubblica si finanzia emettendo titoli a sconto, di durata inferiore all’anno. Il programma prevede un ammontare massimo di 15 miliardi di euro di carta commerciale in circolazione. In occasione dell’aggiornamento del programma nel dicembre 2011, si è adeguata tutta la documentazione in modo da rendere sia il programma che le singole CP idonei ad essere accettate in garanzia presso la Banca centrale europea. A tal fine è stata richiesta ed ottenuta la “Step label”, cioè l’ammissione a quotazione presso il mercato non regolamentato Stemp (Short term european papers).

Il ruolo di “issue” e “paying agent” è svolto da Citibank.

I titoli vengono collocati attraverso le banche dealer che li rivendono all’investitore finale. Le banche che hanno sottoscritto il dealers agreement sono: BofA Merrill Lynch, Banca Imi, Barclays Capital, Bnp Parinas, Citi, Crédit Agricole Cib, Credit suisse, Deutsche bank, Goldman Sachs international, Hsbc France, Ing commercial banking, Morgan Stanley, Mps capital cervices, Nomura international, The royal bank of Scotland, Ubs investment bank, UniCredit bank.

Contenuti correlati