Introduzione sezioneModelli per la rilevazione dei dati

Modelli per la rilevazione dei dati

La presente sezione è dedicata agli enti che sono impossibilitati a registrarsi al sistema Ceam, che possono utilizzare i modelli relativi alle comunicazioni che devono essere effettuate dagli enti territoriali, sull'accesso al mercato dei capitali (di cui al decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze del 1° dicembre 2003, n. 389, emanato di concerto con il Ministero dell'Interno, in attuazione dell'art. 41 della legge 28 dicembre 2001, n. 448)

I modelli approvati con decreto dirigenziale del 3 giugno 2004, pubblicato nella gazzetta ufficiale n. 168 del 20 luglio 2004, sono:

  • Cartolarizzazione.xls - contiene un prospetto di rilevazione della cartolarizzazione comprensivo dei dati dell'eventuale emissione di titoli ed un foglio di istruzioni dove sono indicate, in maniera dettagliata, le modalità per l'inserimento dei dati. Se la cartolarizzazione non ha generato l'emissione di titoli sul mercato, non va compilata la parte relativa alle emissioni.
     
  • Mutui.xls - contiene un prospetto per la rilevazione dei mutui a tasso variabile, uno per la rilevazione dei mutui a tasso fisso ed un foglio di istruzioni, dove sono indicate, in maniera dettagliata, le modalità per l'inserimento dei dati. Sono da indicare anche quei mutui per i quali l'ente non paga interessi ma restituisce soltanto le quote capitale.
     
  • Emissioni.xls - contiene il prospetto relativo alla rilevazione delle emissioni di titoli obbligazionari (Boc, Bop e Bor) ed un foglio di istruzioni, nel quale sono indicate, in maniera dettagliata, le modalità per l'inserimento dei dati.

 

Dalla rilevazione si devono escludere i mutui contratti con la Cassa Depositi e Prestiti (Cdp). Gli enti che si trovano nella posizione di aver soltanto mutui contratti con la Cdp, dovranno semplicemente inviare un messaggio e-mail con una comunicazione in tal senso, ma dovranno conservare i file che serviranno per eventuali futuri mutui contratti con Istituti diversi da Cdp oppure per emissioni.

I file completati con i dati e/o le comunicazioni di qualsiasi tipo devono essere inviati all'indirizzo e-mail dt.direzione2.ufficio4@tesoro.it.

Dopo questa prima trasmissione, che permetterà all'ufficio competente di inserire nel proprio database i dati dell'esposizione finanziaria, l'ente dovrà comunicare entro il giorno 15 dei mesi di febbraio, maggio, agosto e novembre, esclusivamente i dati relativi a nuovi mutui/emissioni/cartolarizzazioni o variazioni su quanto già trasmesso (rinegoziazioni, estinzioni anticipate, contratti di swap).

 

Accesso ai mercati di capitali

L'ente deve comunicare preventivamente, all'Ufficio competente, le caratteristiche delle operazioni di finanziamento a medio/lungo termine e cartolarizzazioni di importo pari o superiore a 100 milioni di euro; che intende effettuare (decreto ministeriale 1/12/2003, n. 389 Art.1, commi 2 e 3) . La comunicazione, oltre che con gli usuali mezzi postali, può essere inviata per e-mail all'indirizzo: accesso.mercati@tesoro.it, per fax al n. 06/47613197 oppure per posta al Ministero dell'Economia e delle Finanze - Dipartimento del Tesoro - Direzione Seconda Ufficio IV, via XX settembre 97 - 00187 Roma.

Se la trasmissione della richiesta di parere avviene tramite e-mail, i 10 gg. per la formazione del silenzio-assenso decorreranno dall'avviso di ricezione del messaggio da parte dell'ufficio competente.

Contenuti correlati