Sottoscrizione al contenuto Investire in Titoli di Stato

Introduzione sezioneInvestire in Titoli di Stato

Investire in Titoli di Stato

I Titoli di Stato possono essere acquistati sia in asta, cioè al momento dell'emissione, sia sul mercato secondario, dove vengono quotidianamente scambiati. In entrambi i casi, è necessario rivolgersi alla propria banca o a un intermediario finanziario abilitato.

 

Sottoscrizione in asta

Chi acquista in asta ha il vantaggio di non pagare commissioni per tutti i titoli di Stato tranne i Bot, che prevedono comunque delle commissioni massime fissate con decreto.
I risparmiatori devono prenotare il quantitativo desiderato, per un importo minimo di 1.000 euro, con almeno un giorno di anticipo rispetto alla data dell’asta. Il calendario delle aste, così come i comunicati che riportano tutte le informazioni utili sui titoli in emissione e i risultati delle aste, sono pubblicati su questo sito internet e facilmente accessibili per i cittadini.

 

Acquisto sul mercato secondario

L’acquisto sul mercato secondario riguarda i Titoli di Stato già in circolazione. In tal caso, le banche e gli altri intermediari finanziari sono liberi di applicare commissioni, che devono essere chiaramente indicate e possono comunque essere negoziate dai risparmiatori.
L’esistenza di un mercato secondario garantisce la liquidità dei Titoli di Stato, ovvero la possibilità per i risparmiatori di vendere i titoli prima della scadenza ai prezzi di mercato.
Il MOT (Mercato telematico delle obbligazioni e dei Titoli di Stato) è il mercato secondario gestito dalla Borsa Italiana S.p.A. dove il cittadino, attraverso il proprio intermediario finanziario, può comprare o vendere Titoli di Stato e altre obbligazioni; anche in tal caso l'importo minimo è pari a 1.000 euro.

 

Utili informazioni sulle caratteristiche finanziarie dei Titoli di Stato sono riportate anche nei documenti del Forum P.A..

Contenuti correlati