Introduzione sezioneConsultazione pubblica per l’attuazione della direttiva (UE) 2016/2341 del Parlamento europeo e del Consiglio del 14 dicembre 2016 relativa alle attività e alla vigilanza degli enti pensionistici aziendali o professionali

Consultazione pubblica per l’attuazione della direttiva (UE) 2016/2341 del Parlamento europeo e del Consiglio del 14 dicembre 2016 relativa alle attività e alla vigilanza degli enti pensionistici aziendali o professionali

La legge 25 ottobre 2017, n. 163, recante delega al Governo per il recepimento delle direttive europee e l'attuazione di altri atti dell'Unione europea (Legge di delegazione europea 2016-2017), ha delegato il Governo ad adottare, secondo le procedure, i princìpi e i criteri direttivi della legge 24 dicembre 2012, n. 234, uno o più decreti legislativi per l'attuazione della direttiva (UE) 2016/2341 del Parlamento europeo e del Consiglio del 14 dicembre 2016 relativa alle attività e alla vigilanza degli enti pensionistici aziendali o professionali ( IORP II), che ha abrogato la precedente direttiva sulle medesime materie (direttiva 2003/41/CE del Parlamento europeo e del Consiglio), costituendo, a partire dallo spirare del termine di recepimento, fissato al 13 gennaio 2019, l’unico atto legislativo dell’Unione europea cui dovranno conformarsi gli Stati membri nel definire i propri ordinamenti relativamente alla previdenza complementare di secondo pilastro.

Sono stati redatti due documenti, da oggi posti in consultazione, contenenti:

  1. uno schema di articolato recante modifiche ed innovazioni al decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, ed al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 (Codice delle assicurazioni private), necessarie a dare attuazione a quanto previsto dalla direttiva (UE) 2341/2016;
  2. una tabella di comparazione, con esposizione dei testi a fronte, tra le disposizioni vigenti dei due suddetti provvedimenti legislativi e quello che sarebbe il loro contenuto per effetto delle modifiche proposte dallo schema di decreto.

Tra i contenuti dello schema di decreto che questo Dipartimento intende sottoporre alla valutazione dei destinatari e delle parti interessate, al fine di acquisirne commenti, valutazioni e proposte di modifica, si segnalano tra l’altro le disposizioni volte a:

  • facilitare e regolare l’attività transfrontaliera delle forme pensionistiche;
  • migliorare la governance e le funzioni fondamentali;
  • incrementare la qualità delle informazioni destinate agli aderenti ed ai pensionati;
  • garantire che l’Autorità di vigilanza abbia gli strumenti necessari per svolgere i compiti ad essa istituzionalmente assegnati nell’ambito dell’attività di supervisione dei fondi pensione.

Il termine per l’invio delle osservazioni è fissato al 10 agosto 2018. I contributi pervenuti oltre tale termine non potranno essere presi in considerazione.

Le osservazioni possono essere inviate al seguente indirizzo e-mail:

dt.direzione4.ufficio4@mef.gov.it

La consultazione è curata dall’Ufficio IV – Direzione IV del Dipartimento del Tesoro.

I commenti pervenuti saranno resi pubblici al termine della consultazione, salvo espressa richiesta di non divulgarli. Il generico avvertimento di confidenzialità del contenuto della e-mail, in calce alla stessa, non sarà considerato una richiesta di non divulgare i commenti inviati.

Contenuti correlati