Introduzione sezioneConsultazione sullo schema di regolamento ministeriale di attuazione dell’articolo 14, comma 3, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito con modificazioni dalla legge 15 luglio 2011, n. 111, recante disposizioni in materia di investimento delle risorse finanziarie degli enti previdenziali, dei conflitti di interessi e di depositario.

Consultazione sullo schema di regolamento ministeriale di attuazione dell’articolo 14, comma 3, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito con modificazioni dalla legge 15 luglio 2011, n. 111, recante disposizioni in materia di investimento delle risorse finanziarie degli enti previdenziali, dei conflitti di interessi e di depositario.

Il decreto legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito con modificazioni dalla legge 15 luglio 2011, n. 111, all’articolo 14, comma 3, ha previsto che il Ministero dell’Economia e delle Finanze, di concerto con il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e sentita la Covip, emani un regolamento con il quale siano dettate disposizioni in materia di investimento delle risorse finanziarie degli enti previdenziali, dei conflitti di interessi e di soggetto depositario, sulla base della normativa e della regolamentazione in essere per le forme di previdenza complementare di cui al decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252.

La presente consultazione ha la finalità di acquisire valutazioni, osservazioni e suggerimenti da parte dei soggetti interessati.

Il termine per l’invio delle osservazioni è fissato al 5 dicembre 2014.

I commenti possono essere inviati per e-mail, specificando nell’oggetto l’argomento posto in consultazione, agli indirizzi:

- dt.direzione4.ufficio4@tesoro.it
- nicola.mango@tesoro.it


La consultazione è curata dall’Ufficio IV – Direzione IV del Dipartimento del Tesoro.

I commenti pervenuti saranno resi pubblici al termine della consultazione, salvo espressa richiesta di non divulgarli. Il generico avvertimento di confidenzialità del contenuto della e-mail, in calce alla stessa, non sarà considerato una richiesta di non divulgare i commenti inviati.

 

Contenuti correlati