Introduzione sezioneBTP Italia: dal 18 Maggio una nuova emissione per sostenere sanità e ripresa

BTP Italia: dal 18 Maggio una nuova emissione per sostenere sanità e ripresa

Partirà il prossimo 18 maggio la nuova emissione del Btp Italia, il titolo di Stato indicizzato al tasso di inflazione nazionale, pensato per il risparmiatore individuale.

 

Questa emissione sarà interamente dedicata a finanziare le spese dei recenti provvedimenti del Governo a supporto del sistema sanitario, per la salvaguardia del lavoro e a sostegno dell’economia nazionale.

 

Il titolo sarà collocato sul mercato attraverso la piattaforma elettronica MOT di Borsa Italiana attraverso quattro banche dealers: Banca IMI S.p.A, BNP Paribas, Monte dei Paschi di Siena Capital Services Banca per le imprese S.p.A., Unicredit S.p.A.

 

Come di consueto l’operazione avverrà in due fasi: la prima da lunedì 18 a mercoledì 20 maggio, per i risparmiatori individuali e affini (il cosiddetto mercato retail) e la seconda il giorno 21 maggio, riservata agli investitori istituzionali.

 

Per questa speciale emissione BTP Italia non sarà prevista la facoltà di chiusura anticipata lasciando quindi tre intere giornate per le sottoscrizioni dei risparmiatori retail. L’obiettivo è favorire la massima partecipazione ed agevolare il lavoro degli intermediari finanziari in questo particolare periodo.
Con lo stesso fine i risparmiatori retail sono invitati, laddove possibile, ad utilizzare il canale del trading online, senza recarsi in filiale o presso gli uffici postali dove si detiene il conto titoli, un’opportunità particolarmente raccomandata oggi, proprio in ragione dell’emergenza in corso.

 

In considerazione del difficile contesto in cui l’operazione si svolge, ancora in pieno lockdown, l’annuncio dell’emissione viene dato oggi, anche nelle more di una definizione di dettaglio di alcuni elementi collegati a questa edizione speciale del BTP Italia, a cominciare dalla durata che sarà comunque in linea con le precedenti emissioni e con quanto già anticipato dalle linee guida del debito pubblico 2020, ovvero fra i 4 e gli 8 anni.

 

Tutte le successive comunicazioni saranno reperibili sul sito Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Contenuti correlati