Introduzione sezioneTerza Riunione dei Ministri delle Finanze e dei Governatori delle Banche Centrali del G20 a guida italiana

Terza Riunione dei Ministri delle Finanze e dei Governatori delle Banche Centrali del G20 a guida italiana

Venerdì 9 e sabato 10 luglio 2021 i Ministri delle Finanze e i Governatori delle Banche Centrali del G20 si sono riuniti a Venezia per la terza riunione ufficiale sotto la Presidenza italiana. È stato il primo incontro in presenza del filone finanziario da febbraio 2020.

 

Ministri e governatori hanno proseguito il confronto sui temi relativi all’economia e alla salute globale, nonché sulle iniziative volte a promuovere il rilancio della ripresa economica e la transizione verso economie e società più verdi e sostenibili. Il confronto si è inoltre esteso a questioni relative al supporto ai paesi più vulnerabili, alla tassazione internazionale, al settore finanziario e alla finanza sostenibile.

 

I membri del G20 hanno riconosciuto che le prospettive economiche globali sono ulteriormente migliorate, soprattutto grazie alla diffusione dei vaccini e al prolungato sostegno all’economia. Tuttavia, la ripresa economica è ancora ineguale tra paesi e regioni e soggetta a rischi. Ministri e Governatori hanno riaffermato la volontà di utilizzare tutti gli strumenti disponibili e di continuare a sostenere la ripresa economica per tutto il tempo necessario, per contrastare le conseguenze della pandemia, in particolare sulle categorie maggiormente colpite. Nell’ambito della risposta globale alla crisi da COVID-19, i membri del G20 hanno rinnovato l’impegno a garantire che il settore finanziario sostenga adeguatamente la ripresa, preservando la stabilità finanziaria.

 

Ministri e Governatori hanno inoltre raggiunto un accordo storico per la realizzazione di un’architettura fiscale internazionale più stabile e equa. Gli impegni presi in sede G20 da parte dei membri del filone finanziario sono dettagliati nel Comunicato Ufficiale emesso al termine dell’incontro.

 

Nell’affrontare le sfide attuali, il G20 ha accolto favorevolmente il rapporto presentato dal G20 High Level Independent Panel on Financing Global Commons for Pandemic Preparedness and Response. Il gruppo di esperti chiede un aumento dei finanziamenti pubblici internazionali di almeno 75 miliardi di dollari nei prossimi cinque anni (pari a 15 miliardi di dollari l’anno) per colmare le principali lacune nella prevenzione e preparazione alle pandemie, raddoppiando i livelli di spesa attuali. Nel rapporto, il Panel identifica quattro urgenti lacune nel sistema di prevenzione sanitaria globale: la sorveglianza delle malattie infettive, la resilienza dei sistemi sanitari nazionali, la capacità globale di produrre e distribuire vaccini e altre contromisure mediche, e governance globale.

 

In concomitanza con la terza Riunione dei Ministri delle Finanze e dei Governatori delle Banche Centrali del G20, da giovedì 8 a domenica 11 luglio, si sono svolti alcuni eventi di alto livello. Tra questi il Forum Globale sulla Produttività, co-organizzato dal G20 e dall’OCSE, il G20 High-Level Tax Symposium e la Conferenza Internazionale sul Cambiamento Climatico.

 

Dopo questo importante momento di incontro, i lavori del filone finanziario del G20 proseguiranno con la quarta riunione Finance and Central Bank Deputies il 13-14 settembre, con nuovi incontri dei gruppi di lavoro e con la riunione congiunta con i Ministri della Salute a margine del Vertice dei Capi di Stato e di Governo dei Paesi del G20 in programma a Roma il 30-31 ottobre 2021.

Contenuti correlati