Introduzione sezione

Oltre 22 miliardi di euro. È questo il risultato dell’emissione del Btp Italia, dedicata al finanziamento degli interventi relativi all’emergenza Covid-19, che si è tenuta in due fasi fra il 18 ed il 21 maggio. Un record per un’emissione BTP Italia.

 

In particolare, nel corso della prima fase, riservata agli investitori retail, sono stati conclusi 383.966 contratti per un controvalore pari a 13.997,606 milioni di euro.

 

Nella seconda fase del collocamento, dedicata a investitori istituzionali, sono pervenute, e sono state eseguite, 746 proposte di adesione, per un controvalore emesso pari a 8.300,000 milioni di euro, a fronte di un totale richiesto pari a 19.546,876 milioni di euro (coefficiente di riparto pari a circa il 42,5 per cento).

 

Il tasso di interesse definitivo (reale) annuale, comunicato questa mattina prima dell’apertura della seconda fase, è pari all’1,40%.

 

Sul focus del sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze sono consultabili tutti i documenti che illustrano sia le modalità di collocamento e distribuzione del titolo, che le modalità di calcolo della cedola e della rivalutazione del capitale.

Contenuti correlati